I DANNI CHE POTREBBE PROVOCARE IL SOLE E COME EVITARLI

Ahimè, il primo sole preso porta spesso a ustioni, fa male a tutti, specialmente ai bambini. Gli scienziati stimano che un bambino che ha subito solo 3 volte un’ustione solare rischia in futuro la prognosi di tumore della pelle. Nel bambino che ha subito circa 6 volte le ustioni solari il rischio di sviluppare il melanoma aumenta della metà. Tra l’altro il melanoma è uno dei tumori più pericolosi.

Bambini prendono il sole

Un’altra notizia, che è sicuro deluderà molti, è che un gran numero di persone in genere non può prendere il sole senza bruciarsi, poiché mantiene un’abbronzatura debole. Hanno scoperto che la nostra capacità di abbronzarsi al sole è geneticamente predeterminata. Questo significa che molti devono lasciar perdere il sogno di avere una bella abbronzatura e vivere in armonia con la propria eredità. L’unica soluzione alternativa è una crema autoabbronzante.

Abbronzarsi al soleMolti pensano di bruciarsi solo all’inizio, quando la pelle è bianca. Dopo le primi scottature si forma la melanina, questa sostanza ha l’effetto della pelle abbronzata, contemporaneamente proteggendola da scottature successive. Ma questo non è vero. La melanina è una protezione della pelle molto debole. Gli scienziati stimano che equivale ad una crema solare con SPF 3, cioè quasi nulla. E’ necessario utilizzare le creme solari con un SPF 15, ancora meglio più di 30.

Secondo gli esperti, piaccia o no, gli ultravioletti solari sono simili ad altri tipi di radiazioni, causando mutazioni, poiché stimolano la formazioni di radicali liberi che sono dannosi per l’apparato genetico delle cellule di pelle. Se l’irradiazione è frequente e forte c’è più rischio della degenerazione delle cellule in maligne. Questo spiega il legame tra le scottature e il melanoma. Quindi è meglio evitare le scottature e cercate di non arrivare ad abbronzature color cioccolato.

Fonte

Aggiungi un commento